Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Mercoledì, 25 Novembre, 2020

È una pandemia nascosta e subdola la violenza contro le donne che è cresciuta, anche con il COVID-19, tra le mura domestiche e sul web.

Mentre le misure di confinamento contribuiscono a limitare la propagazione del virus, le donne e le giovani vittime di violenza sono sempre più isolate dalle persone e dai servizi che potrebbero aiutarle. Secondo l’Istat, in un mese e mezzo (dal primo marzo al 16 aprile) le telefonate al numero verde 1522 (linea telefonica pubblica per richiedere aiuto e sostegno in caso di violenza e stalking), sono state il 73% in più rispetto allo stesso periodo del 2019. Le donne che hanno chiesto aiuto sono 2.013 (+59%). Dati allarmanti se si considera che in Italia in media avviene un femminicidio ogni 3 giorni! Tra il 2000 e 31 ottobre 2020 le donne uccise in Italia sono state 3.344 (Fonte Eures)

Sono tragedie assolutamente evitabili.

Le leggi ci sono, il problema è la loro applicazione e risposte più adeguate e opportunità più concrete di riscatto. La violenza si sconfigge con l’istruzione e la formazione, ovvero creando una cultura rispettosa delle persone e dei diritti della donna e in grado di contrastare gli stereotipi di genere che sono alla base di una visione errata e distorta del differente ruolo che le donne hanno ancora nei confronti degli uomini nella società di oggi.

Gruppo donne Somsi

BUNNER SOMSI CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.jpg